News ed Eventi

"Tutte le strade partono da Roma", il passato proiettato nel futuro

Domande e risposte, la lezione speciale di Rutelli sul suo libro. "La città di domani? Dipende da voi, la vostra generazione ha opportunità mai viste"

Raccogliendo le proposte di alcuni allievi della Scuola di Servizio Civico, il presidente Francesco Rutelli, venerdì 11 dicembre si è confrontato con gli studenti in un dialogo in streaming sulla piattaforma Iul scaturito dalla loro lettura del suo libro "Tutte le strade partono da Roma". Più di venti interventi, moderati dal docente cofondatore Antonio Preiti, per oltre tre ore di botta e risposta. Una lezione speciale, partita dal racconto di 28 secoli di stratificazioni urbane nella Capitale. Il passato come punto di partenza per una proiezione totale nel futuro, attraverso le questioni poste dagli studenti. A loro l’ex sindaco di Roma ha mandato un messaggio forte e chiaro: “Il futuro? E’ nelle vostre mani. Gli obiettivi? Sono quelli della vostra generazione”. E’ a questi ragazzi che hanno scelto una scuola di alta specializzazione per pubblici servitori, così come a tanti loro coetanei, che spetta costruire la città che vorrebbero.
Una città da non lasciare più, come hanno fatto in tanti. “Sta a voi - ha risposto Rutelli a chi gli chiedeva come evitare la fuga dei cervelli - creare le condizioni perché Roma sia viva, febbrile, vibrante come altre città europee. E’ chi governa che deve attuarle, certo, ma sta a voi pretenderle, non come un dono, ma come una cosa dovuta”. Trasporti integrati, centralità create fuori dal centro, integrazione, sostenibilità, digitalizzazione. Tante idee per le quali serve la “scintilla del buongoverno, la competenza, il gioco di squadra". E con le tecnologie e i fondi europei in arrivo con il Recovery Fund, “disponete di strumenti che nessuno ha avuto mai nella storia, ma ci sono anche tanti vincoli e problemi da superare (non ultimi quelli posti dal Covid). Avete un’occasione fantastica. Che meraviglia i vent’anni…cosa avrebbero fatto Michelangelo o Bernini con le tecnologie a vostra disposizione”. Il nuovo strato della Capitale, insomma, è tutto da inventare. E a chi gli chiede cosa metterebbe sopra al Circo Massimo, Rutelli risponde: “Non lo toccherei, ma lì accanto, svuoterei il palazzo della Fao, che porterei fuori dal centro con le altre agenzie mondiali, e ne farei una grande realtà di architettura contemporanea con dentro il museo sulle stratificazioni di Roma”.

 

 

 

 

Tags: #tuttelestradepartonodaroma
Autore: Redazione News


Torna agli articoli: Torna agli articoli
Contribuisci
 

10+
Diventa Sostenitore
 

100+
Diventa Amico
 

1000+
Diventa Sponsor

Fai una
donazione
speciale

 

Dai il tuo contributo per la crescita della Scuola di Servizio Civico con
 
 oppure fai un bonifico a Scuola di Servizio Civico 
IT67S0832703224000000010898